Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Installare l'Active Desktop su Internet Explorer 5


Introduzione

Molte persone, tra cui il sottoscritto, sono state favorevolmente impressionate dalle peculiarità e dalle funzionalità dell'Active Desktop incluso in Internet Explorer 4. Il nuovo modo di vedere finalmente la scrivania virtuale del proprio computer, unito alle nuove caratteristiche di tutta la Shell di Windows, ha contribuito non poco nell'affermare questo browser come uno dei più usati in ambito Windows.
Il "giocattolo" di Internet Explorer 4 è stato barbaramente buttato in soffitta dall'ultima versione di Internet Explorer, la numero 5. Quest'ultima versione non comprende più nell'installazione la possibilità di aggiornare il proprio desktop con l'Active Desktop della versione 4 di Internet Explorer.
Il sottoscritto, che crede poco nelle favole, ci ha creduto ben poco ed ha scoperto che in realtà l'Active Desktop è compreso nei file di installazione di Internet Explorer 5, però semplicemente non è incluso tra le opzioni di installazione.
Questa pagina di SourceNet Italia serve per spiegare a chi ha molta dimestichezza con l'ambiente Windows che l'aggiormento del desktop non è di certo paragonabile alla storiella di Cappuccetto Rosso ma che è molto fattibile e può avere un enorme successo.
Non cantate però vittoria, tenete quindi ben presente tutte le sezioni di questa pagina se volete che il vostro tempo passato a "giochicchiare" con l'ambiente operativo di Windows non si trasformi in un vero e proprio incubo.


Chi come e quando

Questa procedura è stata provata e verificata solo in ambiente Windows 95 (prima versione, build 4.00.950) e con Internet Explorer 5.0a. Prima di continuare a leggere tutte le seguenti procedure tenete a mente prima quanto segue:

  • se non avete esperienza sull'uso dei comandi MSDOS e non avete una buona conoscenza dell'ambiente Windows, lasciate perdere quanto scritto in questa pagina. Vi potreste trovare persino nella situazione di non poter più usare Windows e tutto l'ambiente operativo;
  • le seguenti procedure si riferiscono soltanto al sistema operativo Windows 95 e Windows NT 4. Le successive versioni di questi due sistemi operativi includono già l'Active Desktop;
  • le seguenti procedure si riferiscono soltanto alle versioni 5.0, 5.0a e 5.01 di Internet Explorer. Con la versione 5.5 di Internet Explorer, e successive versioni, alcune delle seguenti procedure non possono essere più eseguite, pertanto dovete ricorrere ad Internet Explorer 4 per poter installare l'Active Desktop;
  • dovete installare Internet Explorer 5 prima di eseguire le seguenti procedure. Se i componenti base di Internet Explorer 5 non vengono installati prima di installare l'Active Desktop (come viene descritto in questa pagina), buona parte del sistema operativo non funzionerà più, e solo se avete una buona esperienza potete rimettere tutto a posto;
  • vi sconsiglio apertamente di eseguire le seguenti procedure se il vostro sistema operativo è Windows NT e se esso è installato su un disco formattato con NTFS. In alcune delle seguenti procedure è richiesta la modifica di alcuni file in modalità MSDOS, modalità non accessibile per chi usa NTFS;

Leggere attentamente le informazioni di copyright e il disclaimer per il contenuto di questa pagina.
Vi consiglio inoltre di leggere tutta la pagina prima di mettere in pratica le procedure di installazione della nuova Shell e dell'Active Desktop.


Prima di iniziare l'installazione

Tengo presente che le procedure descritte di seguito chiaramente non sono definitive e che comunque la cosa migliore in ogni caso rimane sempre installare Internet Explorer 4 con il minimo indispensabile e dopo passare all'aggiornamento con Internet Explorer 5.
Chiunque abbia dimestichezza con l'ambiente Windows può migliorare e rendere più sicuri i seguenti procedimenti.
Se vi sono novità potete descrivermele usando l'indirizzo di SourceNet Italia. Sarò chiaramente ben felice di rispettare e rendere noti i meriti (Credits) a chi fornirà gli opportuni suggerimenti.


Passo 1 : prepararsi al procedimento

Prima di procedere nell'esecuzione delle varie fasi di installazione dell'Active Desktop, vi fornisco i seguenti suggerimenti:

  • Tenete sul desktop di Windows un collegamento con il Pannello di Controllo di Windows;
  • Installare l'utility TweakUI (Dimensione: 79 KB) di Microsoft;
  • Poiché si dovrà in seguito decomprimere un file con estensione .CAB, scegliete se installare un programma (come ad esempio WinZip 7 o successive versioni) che supporti tale formato di file oppure eseguire la decompressione di tale file nella modalità Prompt di MS-DOS usando il programma EXTRACT.EXE fornito con Windows 95. In ogni caso, mettete sul desktop un collegamento col programma scelto e con il Prompt di MS-DOS.

I suggerimenti suddetti sono molto importanti poiché ad un certo punto dell'installazione vi troverete nell'impossibilità di accedere al menù START di Windows. Avrete comunque la possibilità di usare il tasto destro del mouse sul suddetto pulsante START per accedere ad Esplora Risorse.


Passo 2 : cosa salvare dell'ambiente di Windows

  • Vi consiglio caldamente di fare una copia di sicurezza dei seguenti tre file di Windows:
    • file EXPLORER.EXE (cartella di Windows)
    • file SHELL32.DLL (cartella di sistema di Windows)
    • file DESK.CPL (cartella di sistema di Windows)
    Queste copie di sicurezza vi permettono di ripristinare il vecchio desktop nel caso in cui non siete soddisfatti del procedimento di installazione oppure se riscontrate errori dopo l'installazione dell'Active Desktop.
  • Vi consiglio di eseguire una copia di tutti i Preferiti di Internet Explorer oppure di usare l'utility TweakUI per spostare la cartella dei Preferiti su un'altra cartella vuota.
  • Vi consiglio di eseguire una copia dei file temporanei di Internet Explorer. Durante la prova da me eseguita, non ho notato nessuna modifica nei file temporanei. Le seguenti procedure potrebbero però provocare spiacevoli conseguenze.
  • Usate se potete dei programmi che permettano il Tracing delle modifiche delle cartelle di Windows e del Registry. Ciò può diventare utile se volete ripristinare perfettamente la vecchia configurazione di Windows.

Passo 3 : installazione del file compresso per l'installazione della nuova Shell

Come detto in precedenza, i file di installazione di Internet Explorer 5 contengono un file compresso (con estensione .CAB) contenente buona parte dei file usati dall'Active Desktop.
Se avete un CD di Internet Explorer 5, potete notare la presenza dei file IE4SHL95.CAB e IE4SHLNT.CAB. Questi file sono destinati rispettivamente agli utenti di Windows 95 e Windows NT4. Uno dei due file rappresenta il file da decomprimere.
Se usate un programma che supporta i file .CAB allora decomprimete tutti i file contenuti in tale file compresso in una cartella vuota. Se usate il Prompt MS-DOS createvi una cartella ed usate l'utility EXTRACT.EXE che potete trovare nella cartella COMMAND di Windows. Ad esempio se volete installare i file sulla cartella C:\WINDOWS\TEMP, allora andate nella directory dove si trova il file da decomprimere e digitate la seguente linea:

EXTRACT /L C:\WINDOWS\TEMP IE4SHL95.CAB *.*

Chiaramente gli utenti di Windows NT4 dovranno sostituire IE4SHL95.CAB con IE4SHLNT.CAB.
Andate nella cartella dove avete decompresso i file, e dovreste trovare un file denominato IE4SHELL.INF. Tale file deve essere installato usando Gestione Risorse (o Esplora Risorse). Tra le voci associate all'estensione dei file .INF vi è proprio la voce "Installa". Usate proprio detta voce per installare il file. Durante l'installazione comparirà un messaggio di errore, usate il pulsante "Ignora" nella finestra del messaggio di errore. Una volta eseguita tale procedura dovete riavviare Windows (tenete però presente che una volta riavviato Windows non avrete la possibilità di accedere al menu START di Windows. Inoltre se tentate di uscire da Windows, verrà segnalato un messaggio di errore di protezione generale, che, sebbene non danneggi l'ambiente operativo di Windows, vi impedisce di uscire da Windows, facendo si che Gestione Risorse o Esplora Risorse venga riavviato). Usate la combinazione di tasti Ctrl+Alt+Canc, apparirà una finestra e in tale finestra premete il pulsante denominato "Arresta il sistema". Aspettate che il computer verrà spento. In seguito potete riaccenderlo per poter eseguire le seguenti procedure.


Passo 4 : riavvio di Windows e modifica dell'ambiente Windows

Dopo che Windows viene riavviato, i tre file che vi ho consigliato di salvare nel passo 2, sono stati sostituiti da quelli dell'Active Desktop. La nuova shell di Windows è già visibile, ma purtroppo mancano parecchie cose, ed inoltre, come illustrato alla fine del passo precedente, vi sono operazioni che non possono essere portate a termine.
Entrano pertanto in gioco alcune librerie fornite da Internet Explorer 5 e dall'aggiornamento della Shell. Aprendo una finestra con il prompt MS-DOS (usando il collegamento posto sul desktop, come suggerito nel passo 1), spostatevi nella cartella di sistema di Windows. Digitate quindi le seguenti tre righe che permetteranno la registrazione dell'Active Desktop e della nuova Shell:

REGSVR32 /I SHDOC401.DLL
(aspettate un messaggio di conferma)
REGSVR32 /I /N SHELL32.DLL
(aspettate un messaggio di conferma)
REGSVR32 /I WEBVW.DLL
(aspettate un messaggio di conferma, lasciate perdere l'errore)

Con la registrazione delle suddette tre librerie, il menù START è finalmente attivo, la Shell ha creato tutto ciò che serve (cartelle, chiavi del registry, ecc....). Inoltre le suddette tre righe modificano il Registry creando le chiavi mancanti per far funzionare adeguatamente la nuova Shell.
Se dovesse apparire l'Active Desktop in modalità provvisoria (con tanto di pagina web contenente collegamenti attivi), allora fate click sul collegamento "Ripristina l'Active Desktop" per uscire dalla modalità provvisoria.
Vi consiglio quindi di riavviare Windows. Se avete problemi nel riavviare Windows, usate la combinazione di tasti Ctrl+Alt+Canc, apparirà una finestra e in tale finestra premete il pulsante denominato "Arresta il sistema". Aspettate che il computer verrà spento. In seguito potete riaccenderlo per poter riavviare Windows.
Una volta riavviato Windows, scaricate il file IE4FIX.EXE (Dimensione: 2 KB, Data: 8 Febbraio 2000). È in pratica un file autoestraibile da scaricare in una cartella temporanea. Contiene il file COOL.DLL che deve essere copiato nella cartella di sistema di Windows e il file IE4_EXPL.REG che deve essere eseguito all'interno di Esplora Risorse. Quest'ultimo file serve per registrare la presenza del file COOL.DLL, che altro non è il modulo del vecchio programma Plus! che permette di attivare alcune opzioni in Esplora Risorse, e per attivare altre opzioni in Esplora Risorse come la possibilità di visualizzare gli attributi dei file e gli oggetti compressi (file e cartelle) in un colore diverso. Inoltre vi è la possibilità di visualizzare le icone con tutti i colori possibili con un'opzione sempre all'interno di Esplora Risorse, anche se tale opzione richiede il riavvio di Windows.


Passo 5 : installazione dei Canali di Internet Explorer 4 (facoltativo)

Se vi ritrovate un CD con l'installazione di Internet Explorer 4, potete installare i canali italiani o stranieri da usare con la nuova Shell integrata. Di solito il file dei canali italiani è denominato CHLIT_IT.CAB. Essendo un file compresso vale lo stesso metodo usato per il passo 3.
Una volta decompresso tale file, installate anche in questo caso il file con estensione .INF. Una volta effettuata l'installazione dovreste essere nella possibilità di vedere i canali di Internet Explorer 4.
Prendete inoltre nota che tale passo provocherà l'eliminazione di tutti i preferiti. Se non avete effettuato una copia dei preferiti, allora usate il TweakUI per spostare i preferiti in un'altra cartella (ricordate di riavviare Windows dopo aver usato TweakUI). Il problema è che i Canali vengono scritti nella root dei preferiti, invece che nella sottocartella "Canali". Potete quindi usare TweakUI per puntare ad una sottocartella con il suddetto nome.
Se vi sono problemi, riavviate Windows. Dovreste quindi essere in grado di vedere i canali direttamente sul Desktop.


Come ripristinare il vecchio Desktop

Se vi sono problemi durante l'utilizzo del nuovo Active Desktop, potete facilmente ripristinare quello vecchio. Tenendo presente che purtroppo non vi è nessuna procedura che vi permetta di eliminare i file installati in precedenza, aprite una finestra con il prompt MS-DOS (usando il collegamento posto sul desktop, come suggerito nel passo 1) e spostatevi nella cartella di sistema di Windows. Digitate quindi le seguenti due righe che permetteranno di annullare la registrazione dell'Active Desktop e della nuova Shell:

REGSVR32 /U WEBVW.DLL
(aspettate un messaggio di conferma)
REGSVR32 /U SHDOC401.DLL
(aspettate un messaggio di conferma)

Purtroppo annullando la registrazione dell'Active Desktop potreste ritrovarvi nell'impossibilità di uscire da Windows, cioè potrebbe apparire un errore di protezione generale se premete ALT+F4 per uscire da Windows. Se avete problemi nel riavviare Windows, usate la combinazione di tasti Ctrl+Alt+Canc, apparirà una finestra e in tale finestra premete il pulsante denominato "Arresta il sistema". Aspettate che il computer verrà spento. In seguito potete riaccenderlo. Prima che Windows venga riavviato, premete il tasto F8 e nel menù relativo di Windows selezionate la voce "Prompt dei comandi con supporto di rete". Spostatevi nella cartella di Windows e ripristinate manualmente i tre vecchi file di sistema descritti all'inizio del passo 2 (usando il comando COPY del DOS, copiate i tre file sovrapponendoli su quelli già presenti). Premete Ctrl+Alt+Canc per riavviare il computer e per eseguire Windows. In seguito aprite una finestra di Gestione Risorse la quale comparirà con un solo riquadro. Spostatevi sul bordo destro della finestra e fate in modo che il cursore del mouse assuma l'aspetto di due frecce opposte con una linea verticale in mezzo. Tale cursore permette di spostare il divisore dei due pannelli. Usate il mouse per spostare tale divisore.
Vi ricordo che vi potrebbero essere inoltre alcuni problemi con la vecchia Shell di Windows, la quale mal digerisce alcune novità della nuova Shell. Prime fra tutte sono i file di inizializzazione delle cartelle, in pratica i file DESKTOP.INI che la nuova Shell dissemina un po' ovunque. Sarete quindi costretti ad eliminare alcuni di questi file se la Shell non è in grado di gestire adeguatamente una cartella. La prima cartella che presenta tale difetto è quella dei Preferiti di Internet Explorer. Se in tale cartella è presente un file DESKTOP.INI (di solito tale file è nascosto), allora rimuovetelo. Altrimenti Internet Explorer non sarà capace di visualizzare correttamente i Preferiti.
Se vi sono altri problemi usate l'indirizzo di posta elettronica di SourceNet Italia per contattarmi.



Copyright

Il contenuto di questa pagina è di proprietà del sottoscritto Joseph Parrello. Non è concesso a nessuno la possibilità di copiare il contenuto senza l'autorizzazione del sottoscritto.


Disclaimer

Joseph Parrello non riconosce alcun tipo di garanzia per il contenuto di questa pagina.
Tutto il contenuto di questa pagina è fornito "così come è", senza alcuna garanzia di qualsiasi tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, senza limitazioni, le garanzie implicite di commerciabilità o idoneità per uno scopo particolare ovvero quelle che escludano la violazione di diritti altrui. L'intero rischio derivante dall'uso o dalle prestazioni del contenuto di questa pagina rimane a carico dell'utente.


Pagine sui Tips&Tricks di Windows

 

Torna ad inizio pagina

Ultimo aggiornamento : 17/01/2009.   
Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Copyright © 1997-2070, Joseph Parrello. Tutti i diritti sono riservati.

Siete il visitatore n. Contatore Sito
Bpath Contatore
dal 17 gennaio 2009.