Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 2


Prima di continuare a leggere le seguenti sezioni della FAQ sui dischi rigidi, vi invitiamo a prendere visione del disclaimer, dei copyright e delle note di revisione, situate in questa pagina.

 

Domande generiche su IDE

D. Cosa si intende per IDE? Cosa si intende per ATA?

IDE è l'acronimo di Integrated Drive Electronics (Elettronica dell'Unità Disco Integrata). Una qualunque unità disco si dice di tipo IDE quando è costituita da una parte meccanica, di solito comprendente parti in movimento, e da una parte elettronica, composta solitamente da un circuito stampato, chiamato genericamente Controller. Questa combinazione tra la parte meccanica e quella elettronica viene collegata ad un'interfaccia sulla piastra madre o ad una scheda d'interfaccia inserita in uno slot d'espansione del computer.
ATA è invece l'acronimo di AT Attachment (per AT si intende il termine coniato da IBM per definire una nuova generazione di computer con un bus a 16 bit; attachment è la conseguenza di tale nuovo bus e permetteva il collegamento dei nuovi, per quei tempi, dischi rigidi incorporati all'interno del computer). Un'unità disco si definisce compatibile ATA quando rispetta le regole e le linee guida dettate dalla suddetta interfaccia. L'ultima revisione della specifica ATA è l'ATA-5.

Torna all'indice


D. Quale ruolo svolge l'interfaccia IDE?

Il lavoro principale dell'interfaccia IDE è trasmettere/ricevere dati verso e dall'unità disco.

Torna all'indice


D. Perché si mette il Controller direttamente sull'unità disco?

Mettere il controller nell'unità disco rende le unità disco affidabili poiché la codifica dei dati da digitale ad analogica viene eseguita direttamente all'interno dell'unità disco in un ambiente ermetico e privo di rumore.

Torna all'indice


D. Cos'è l'Enhanced-IDE (EIDE) ed il Fast-ATA?

L'IDE Esteso (EIDE) si compone di due parti:

  • Software - le specifiche del BIOS esteso che oltrepassa il limite di capacità dei dischi rigidi di 504 MB
  • Hardware - i dischi rigidi che si adeguano agli standard ATA-2 e ATAPI.
Il Fast-ATA, la controparte dell'EIDE, tende a conformarsi alle specifiche dell'ATA-2.

Torna all'indice


D. Quali sono le principali peculiarità dell'EIDE?

Queste sono le principali peculiarità:

  • Modalità di trasferimento più veloci - Modalità PIO 3-4, Modalità DMA 2 e UDMA.
  • Comandi di Lettura/Scrittura multipli
  • Modalità LBA, traduzione per i dischi rigidi più grandi di 504 MB.
  • Quattro dispositivi sul controller ATA
  • Supporto per CD-ROM e per unità a nastri

Torna all'indice


D. L'ATA-5 è compatibile con le vecchie unità disco IDE?

Le periferiche IDE più vecchie funzioneranno con le unità disco estese più nuove. Tuttavia le periferiche ATA-5 non potranno utilizzare le peculiarità avanzate.

Torna all'indice


D. L'ATA-5 è compatibile con le vecchie schede controller IDE?

Le unità disco EIDE sono compatibili all'indietro con le schede controller (standard) non-EIDE. Tuttavia una scheda EIDE funzionerà secondo le capacità del controller; quindi l'unità disco EIDE funzionerà come un'unità disco standard IDE.

Torna all'indice


D. Cos'è l'ATAPI?

ATAPI è l'acronimo di ATA Packet Interface (Interfaccia a pacchetti ATA). Per ATAPI si intende uno standard nato per implementare dispositivi simil-SCSI sul bus ATA. Dispositivi come i CD-ROM, le unità a nastro ed altri dispositivi rimovibili. I vantaggi dell'ATAPI sono:

  • Non è costoso
  • È facile da implementare nei sistemi attuali
Lo svantaggio di ATAPI è che esso richiede l'uso di software per essere operativo.

Torna all'indice


D. Cos'è il Cable Select?

Il Cable Select (CS) è un'opzione per le specifiche ATA. È un metodo alternativo per identificare la differenza tra il dispositivo 0 e il dispositivo 1 su un cavo d'interfaccia IDE. I dischi rigidi configurati in sistemi con più unità disco sono identificati dal valore del Cable Select:

  • Se il CS è cortocircuitato, allora l'indirizzo del disco è 0.
  • Se il CS è aperto, allora l'indirizzo del disco è 1.
Inoltre il CS richiede un cavo con interfaccia IDE a 40 piedini più costoso, diverso dal cavo standard EIDE che viene usato più comunemente.

Torna all'indice


D. Come fa' il sistema a sapere quale unità disco è Master e quale è Slave?

Quando viene installato soltanto un'unità disco, il controller risponde a tutti i comandi dal sistema. Quando vengono installate due unità disco (il che significa due controller), entrambi i controller ricevono tutti i comandi dal sistema. Ogni controller deve essere configurato per rispondere solo ai comandi diretti a se stesso. Per tale motivo un controller deve essere nominato come master e l'altro come slave. Quando il sistema invia un comando ad una specifica unità disco, il controller dell'altra unità disco deve ignorare tale richiesta.

Torna all'indice


D. Perché il ventesimo buco è tappato sul connettore del cavo?

È un modo per evitare che il cavo sia inserito alla rovescia. Gli utenti che inavvertitamente inseriscono un cavo a ritroso potrebbero danneggiare sia l'unità disco sia l'interfaccia.

Torna all'indice


D. Il cavo dell'interfaccia IDE può influenzare l'integrità dei dati, problemi di disturbo del segnale e identificazione dell'unità disco?

La risposta è chiaramente affermativa. Lo standard ATA specifica che un cavo IDE non deve essere più lungo di 45 centimetri. I cavi standard usati oggi rispettano le specifiche ATA. Tuttavia i cavi a 40 pin non sempre filtrano il rumore quando vengono usati con i dischi rigidi UDMA33 odierni. Un'altra maniera per ridurre il rumore dei cavi sarebbe quella di usare un cavo a 80 pin. Tali cavi forniscono un miglior collegamento a massa per massimizzare l'integrità del segnale elettrico.

Torna all'indice


D. L'interfaccia EIDE aggiunge un incremento delle prestazioni del disco?

La risposta dipende dal tipo di disco rigido usato. Una nuova interfaccia non fornisce migliori prestazioni. Invece è possibile ottenere un grande miglioramento cambiando un controller ISA con uno di tipo PCI.

Torna all'indice


D. Perché il disco rigido non è così veloce come propagandato?

Gli indici di trasferimento propagandati sono basati sulla più alta velocità raggiungibile durante l'invio di dati attraverso la piattina dal buffer del disco rigido. Il trasferimento si interrompe ogni volta che il buffer si riempie nuovamente. Questo procedimento continua fino a quando viene completato un comando. Gli indici di trasferimento dei dati dipendono dalle configurazioni dei sistemi. L'unica cosa che gli analisti possono controllare è la velocità alla quale i dati vengono trasmessi attraverso la piattina dal buffer dell'unità disco.

Torna all'indice


D. Perché una nuova unità disco non viene riconosciuta come slave o master?

Configurare le unità disco IDE può essere semplice, come nel caso delle installazioni con una singola unità disco, o faticosa, specialmente quando si devono mettere assieme due dischi di produttori differenti su un singolo cavo. La maggior parte delle unità disco IDE giunge in tre configurazioni:

  • Unità disco singola (master)
  • Master in un sistema con due unità disco
  • Slave in un sistema con due unità disco
Poichè ogni unità disco IDE ha il suo controller, un'unità disco deve essere impostata come master e l'altra come slave. I dischi rigidi messi a cascata, se non vengono impostati adeguatamente tramite ponticelli, non funzioneranno. Contattate il produttore del vostro disco rigido per conoscere le impostazioni dei ponticelli.

Torna all'indice


D. Due dischi rigidi non funzionano anche dopo aver verificato le impostazioni dei ponticelli. Cosa ho sbagliato?

Ci potrebbero essere problemi di compatibilità tra i due dischi rigidi. Potete provare i seguenti due procedimenti:

  • Provate il nuovo disco rigido da solo. Se entrambi i dischi rigidi funzionano da soli, allora è un problema di compatibilità.
  • Provate a scambiare le impostazioni dei ponticelli dei due dischi rigidi, facendo in modo che chi dei due era master diventi slave e viceversa.

Torna all'indice


D. Perché un CD-ROM IDE e un'unità backup a nastri non funzionano quando vengono collegati all'interfaccia?

Nella maggior parte delle situazioni, l'aggiunta di un CD-ROM IDE o di un'unità backup a nastri ad un bus che supporta dispositivi IDE, può rallentare e/o compromettere l'integrità dei dati dei dispositivi. Dovete perciò considerare l'acquisto di un interfaccia EIDE compatibile con le specifiche ATAPI. Queste interfacce vengono generalmente costruite con una interfaccia IDE secondaria integrata nella stessa scheda.

Torna all'indice


D. Dopo aver scambiato i dischi rigidi, ancora non funzionano. Cosa devo fare?

A questo punto, si raccomanda agli utenti di separare i dischi rigidi e connetterli a differenti porte del sistema. Se il sistema non ha un'interfaccia IDE secondaria, si raccomanda all'utente di installare un'interfaccia EIDE. Facendo questo, ogni dispositivo comunicherà individualmente con il sistema. Le schede estese possono anche aggiungere il supporto LBA tramite BIOS ed incrementare le prestazioni dei dispositivi.

Torna all'indice


 



Disclaimer

SourceNet non riconosce nessun tipo di garanzia per il contenuto di tutta la sezione dedicata alle FAQ sui dischi rigidi pubblicata su questo sito (SourceNet Italia).
Tutto il contenuto della FAQ sui dischi rigidi è fornito "così come è", senza alcuna garanzia di qualsiasi tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, senza limitazioni, le garanzie implicite di commerciabilità o idoneità per uno scopo particolare ovvero quelle che escludano la violazione di diritti altrui. L'intero rischio derivante dall'uso o dalle prestazioni del contenuto di tutta la sezione della FAQ sui dischi rigidi rimane a carico dell'utente.


Copyright

Il contenuto dell'intera FAQ sui dischi rigidi situata in questo sito è di proprietà di Joseph Parrello.
Non viene concessa a nessuno la possibilità di poter copiare il contenuto dell'intera FAQ sui dischi rigidi senza l'autorizzazione di Joseph Parrello.


Note sulla revisione

La versione di questa FAQ è stata aggiornata il 30/7/2000.

 

Torna ad inizio pagina

[ Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 2 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 3 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 4 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 5 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 6 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 7 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 8 ] Le FAQ sui dischi rigidi - Pagina 9 ]

Ultimo aggiornamento : 17/01/2009.   
Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Copyright © 1997-2070, Joseph Parrello. Tutti i diritti sono riservati.

Siete il visitatore n. Contatore Sito
Bpath Contatore
dal 17 gennaio 2009.