Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Hardware Documentazione - Comandi AT per i modem HCF/HSF Rockwell/Conexant


Introduzione

In questa pagina troverete un elenco di comandi AT per i modem HCF/HSF di Rockwell/Conexant. Tali comandi possono essere impartiti tramite il programma HyperTerminal di Windows (per maggiori informazioni su come usare tale programma, vedere la pagina "Hardware Tips&Tricks - Come usare il programma HyperTerminal" di questo sito).

 

Indice

 

Controllo del modem generico

Z - Ripristina la configurazione predefinita

Questo comando incarica il modem a ripristinare i valori predefiniti. Se il modem è connesso alla linea, sarà disconnesso dalla linea, terminando qualsiasi chiamata in corso. Tutte le funzioni del comando sono completate prima che il modem emetta il codice del risultato. Il DTE non deve includere comandi aggiuntivi sulla stessa linea di comando dopo il comando Z poiché tali comandi saranno ignorati.

Torna all'indice

+FCLASS - Seleziona la classe del servizio attivo

Questo comando seleziona la classe (o modalità) del servizio attivo.
Sintassi: +FCLASS=<modalità>
dove <modalità> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Seleziona la modalità dati (valore predefinito)
  • 1 = Seleziona la modalità facsimile Classe 1
  • 1.0 = Seleziona la modalità facsimile Classe 1.0
  • 8 = Seleziona la modalità Voice
  • 80 = Seleziona la modalità VoiceView

Codici risultato : OK se la modalità è supportata dal file .INF, ERROR in caso contrario.
Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +FCLASS?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +FCLASS=?

Torna all'indice

+VCID - ID del chiamante

Questo comando controlla la notifica e la presentazione dei dati associati all'ID del chiamante nel formato dati dell'ID della linea di chiamata in arrivo.
Sintassi: +VCID=<modalità>
dove <modalità> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Disattiva il rapporto dell'ID del chiamante (valore predefinito)
  • 1 = Attiva l'ID del chiamante e formatta la presentazione per il DTE
  • 2 = Attiva l'ID del chiamante ma non formatta la presentazione per il DTE

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +VCID?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +VCID=?

Torna all'indice

\N - Modalità operativa

Questo comando controlla la modalità di correzione degli errori preferita che dovrà essere negoziata in una successiva connessione di dati.
Sintassi: \N<modalità>
dove <modalità> è un numero decimale che corrisponde alla modalità selezionata.

  • 0 = Seleziona la modalità bufferizzata a velocità normale (disattiva la modalità di correzione degli errori) e forza il comando &Q6 (seleziona l'operazione asincrona nella modalità normale).
  • 1 = Lo stesso di \N0.
  • 2 = Seleziona la modalità affidabile (con correzione degli errori) e forza il comando &Q5 (il modem tenterà di negoziare un collegamento privo di errori). Il modem tenterà prima una connessione LAPM e in seguito una connessione MNP. Se il tentativo di connessione affidabile fallisce, allora il modem riattaccherà.
  • 3 = Seleziona automaticamente la modalità affidabile e forza il comando &Q5 (il modem tenterà di negoziare un collegamento privo di errori). Questo opera come \N2 tranne che se il tentativo di connessione affidabile fallisce, allora il modem ripiegherà nella modalità bufferizzata a velocità normale.
  • 4 = Seleziona la modalità LAPM con correzione degli errori e forza il comando &Q5 (il modem tenterà di negoziare un collegamento privo di errori). Se il tentativo di connessione LAPM con correzione degli errori fallisce, allora il modem riattaccherà.
  • 5 = Seleziona la modalità MNP con correzione degli errori e forza il comando &Q5 (il modem tenterà di negoziare un collegamento privo di errori). Se il tentativo di connessione MNP con correzione degli errori fallisce, allora il modem riattaccherà.

Codici risultato : OK se <modalità> è compresa tra 0 e 5, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

&F - Imposta la configurazione definita dal fabbricante

Questo comando incarica il modem ad impostare tutti i parametri ai valori predefiniti del fabbricante definiti nella tavola di configurazione del prodotto. Il modem carica la configurazione (profilo) predefinita del fabbricante. I valori predefiniti del fabbricante vengono identificati per ogni comando e nelle descrizioni dei parametri S. Una configurazione (profilo) consiste di un sottoinsieme di parametri S.

Torna all'indice

I - Richiesta di informazioni di identificazione

Questo comando fornisce un rapporto di una o più linee di testo di informazione sul prodotto, come selezionato dal sottoparametro, seguito da un codice risultato finale.
Sintassi: I<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Fornisce il codice del prodotto
  • 1 = Fornisce il byte meno significativo della somma di controllo memorizzata in decimale. Fornisce 255 se il valore della somma di controllo prememorizzata è FFh.
  • 2 = Fornisce OK
  • 3 = Fornisce i codici di identificazione o il numero di versione del firmware
  • 4 = Fornisce la descrizione del prodotto come scritto nel file .INF
  • 5 = Fornisce il parametro del codice di nazione (in decimale)
  • 6 = Fornisce il modello di data pump e la revisione del codice interno del modem
  • 7 = Come il valore 1
  • 8 = Visualizza la data completa del driver del modem
  • 9 = Fornisce il nome della nazione attualmente selezionata

Codici risultato : OK se valore è compreso tra 0 e 9, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

+GMI - Richiesta identificazione del produttore

Questo comando restituisce il nome del produttore del modem come fornito nel file .INF.

Torna all'indice

+GMM - Richiesta identificazione del modello

Questo comando restituisce il modello del modem come fornito nel file .INF.

Torna all'indice

+GMR - Richiesta identificazione della revisione

Questo comando restituisce la versione del modem, il livello di revisione o la data come fornito nel file .INF.

Torna all'indice

+GSN - Richiesta identificazione del numero seriale del prodotto

Questo comando restituisce il numero seriale del modello del modem come fornito nel file .INF.

Torna all'indice

+GCAP - Richiesta elenco completo delle capacità

Questo comando permette all'utente di conoscere complessivamente le capacità del modem. Se il modem implementa uno standard di controllo del modem che usa comandi di sintassi estesa e se quello standard di controllo del modem include comandi che indicano capacità generiche, il +<nome> di quei comandi sarà fornito all'utente in risposta a questo comando.
Esempio di risposta: +GCAP: +FCLASS,+MS,+ES,+DS
dove +<nome> significa:

  • +FCLASS = T.Classe1, +F (controllo del modem facsimile Classe 1)
  • +MS = comandi +M (controllo della modulazione: comandi +MS e +MR)
  • +ES = comandi +E (controllo errori: +ES, +EB, +ER, +EFCS, +ETBM)
  • +DS = comandi +D (compressione dati: +DS e +DR)

Torna all'indice

+GCI - Nazione di installazione

Questo comando di sintassi estesa indica e seleziona la nazione di installazione per il modem. Questo parametro seleziona le impostazioni per qualunque parametro operativo che richiede di essere tarato secondo le regolamentazioni nazionali o per le reti telefoniche.
Sintassi: +GCI=<codice_nazione>
dove <codice_nazione> è un codice nazionale a 8 bit di standard T.35. Il valore è l'equivalente esadecimale del codice T.35, con il bit 8 trattato come il bit più significativo ed il bit 1 trattato come il bit meno significativo.
Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +GCI?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +GCI=?

Torna all'indice

 

Comandi di interfaccia DTE-Modem

E - Comando Eco

Questo comando attiva o disattiva l'eco dei caratteri verso il DTE a seconda del parametro dato.
Sintassi: E<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Disattiva il comando di eco
  • 1 = Attiva il comando di eco (valore predefinito)

Codici risultato : OK se <valore> è 0 o 1, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

Q - Controllo sull'invio dei codici di risultato

Questo comando attiva o disattiva l'invio di codici di risultato verso il DTE a seconda del parametro dato.
Sintassi: Q<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Attiva i codici di risultato verso il DTE (valore predefinito)
  • 1 = Disattiva i codici di risultato verso il DTE

Codici risultato : OK se <valore> è 0 o 1, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

V - Forma del codice di risultato

Questo comando seleziona l'invio di codici di risultato nel formato breve o nel formato esteso verso il DTE.
Sintassi: V<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Attiva i codici di risultato in formato breve
  • 1 = Attiva i codici di risultato in formato esteso (valore predefinito) 

Codici risultato : OK se <valore> è 0 o 1, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

W - Controllo del messaggio di connessione

Questo comando, assieme con i bit 0, 2, 3 e 5 del registro S95 (i bit 2, 3 e 5 possono essere scritti direttamente dal modem o rispettivamente dai comandi +MR, +ER e +DR), controlla il formato dei messaggi CONNECT. I messaggi del codice di risultato attuale notificati riflettono l'impostazione di questo comando e le impostazioni del registro S95 (vedere i comandi +MR, +ER e +DR).
Sintassi: W<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Al momento della connessione, il modem restituisce solo la velocità DTE (ad esempio: CONNECT 19200). Le risposte successive sono disattivate (valore predefinito).
  • 1 = Al momento della connessione, il modem restituisce rispettivamente la velocità della linea, il protocollo di correzione degli errori e la velocità DTE. Le risposte successive sono disattivate.
  • 2 = Al momento della connessione, il modem restituisce solo la velocità DCE (ad esempio: CONNECT 14400). Le risposte successive sono disattivate.
  • 3 = Al momento della connessione, il modem restituisce la velocità DCE e il protocollo di correzione degli errori.

Codici risultato : OK se <valore> è tra 0 e 3, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

X - Codici di risultato estesi

Questo comando seleziona il sottoinsieme dei messaggi di codice di risultato usati dal modem per informare il DTE dei risultati dei comandi. Una chiamata "alla cieca" è attivata o disattivata dai parametri della nazione. Se l'utente vuole imporre il rilevamento del segnale di linea libera, una "W" può essere messa nella stringa di chiamata (vedere il comando D).
Se il modem è in modalità facsimile (+FCLASS=1 o 1.0), l'unico messaggio inviato per indicare una connessione è CONNECT senza un'indicazione di velocità.
Sintassi: X<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Il codice di risultato CONNECT è fornito al momento di entrare nello stato di dati in linea. Il resoconto del segnale di linea libera e il rilevamento di occupato sono disattivati.
  • 1 = Il codice di risultato CONNECT <testo> è fornito al momento di entrare nello stato di dati in linea. Il resoconto del segnale di linea libera e il rilevamento di occupato sono disattivati.
  • 2 = Il codice di risultato CONNECT <testo> è fornito al momento di entrare nello stato di dati in linea. Il resoconto del segnale di linea libera è attivato mentre il resoconto del rilevamento di occupato è disattivato.
  • 3 = Il codice di risultato CONNECT <testo> è fornito al momento di entrare nello stato di dati in linea. Il resoconto del segnale di linea libera è disattivato mentre il resoconto del rilevamento di occupato è attivato.
  • 4 = Il codice di risultato CONNECT <testo> è fornito al momento di entrare nello stato di dati in linea. Il resoconto del segnale di linea libera e il rilevamento di occupato sono entrambi attivati (valore predefinito).

Codici risultato : OK se <valore> è tra 0 e 4, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

&C - Comportamento del rilevatore del segnale di linea ricevuta

Questo comando determina come lo stato dell'output del rilevatore del segnale di linea ricevuta riguarda il rilevamento del segnale di linea ricevuta dal limite remoto. La modifica di questo parametro avverrà immediatamente sia nel comando sia negli stati dei comandi in linea.
Sintassi: &C<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Il rilevatore del segnale di linea ricevuta è sempre attivato
  • 1 = Il rilevatore del segnale di linea ricevuta segue lo stato della portante (valore predefinito)

Codici risultato : OK se <valore> è 0 o 1, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

&D - Comportamento del DTR

Questo comando determina come il modem reagisce quando l'ingresso del DTR (Data Terminal Ready, terminale dati pronto) viene modificato dalla condizione di attivato a quella di disattivato durante lo stato di dati in linea.
Sintassi: &D<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Il modem ignora il DTR
  • 1 = Al momento di una transizione acceso-spento del DTR, il modem entra nello stato di comando in linea ed emette un codice di risultato OK; la chiamata rimane connessa
  • 2 = Al momento di una transizione acceso-spento del DTR, il modem istruisce il sottostante modem ad eseguire una autorizzazione ordinata della chiamata. La disposizione dei dati nelle trasmissioni pendenti del modem è controllata dal parametro +ETBM; altrimenti questi dati sono inviati prima che la chiamata venga autorizzata, a meno che il modem remoto autorizzi la chiamata per primo (nel qual caso i dati pendenti vengono scartati). Il modem si disconnette dalla linea. La risposta automatica è disattivata mentre il DTR rimane spento.

Codici risultato : OK se <valore> è tra 0 e 2, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

&K - Controllo del flusso

Questo comando definisce il meccanismo di controllo del flusso DTE/DCE (terminale/modem).
Sintassi: &K<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Disattiva il controllo del flusso
  • 3 = Attiva il controllo del flusso RTS/CTS (valore predefinito per le modalità dati del modem)
  • 4 = Attiva il controllo del flusso XON/XOFF.
  • 5 = Incluso soltanto per compatibilità e non ha nessun effetto se non restituire un codice risultato OK.
  • 6 = Incluso soltanto per compatibilità e non ha nessun effetto se non restituire un codice risultato OK.

Codici risultato : OK se <valore> è 0,3,4,5 o 6, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

&M - Selezione modalità asincrona/sincrona

Questo comando è incluso soltanto per compatibilità e non ha nessun effetto se non restituire un codice risultato OK. Gli unici valori validi sono compresi tra 0 e 3.
Sintassi: &M<valore>
Codici risultato : OK se <valore> è tra 0 e 3, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

&Q - Modalità sincrona/asincrona

Questo comando determina la modalità operativa del DTR (vedere anche il comando \N).
Sintassi: &Q<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Seleziona operazione asincrona in modalità normale
  • 1 = Seleziona operazione asincrona in modalità normale
  • 2 = Seleziona operazione asincrona in modalità normale
  • 3 = Seleziona operazione asincrona in modalità normale
  • 5 = Seleziona operazione asincrona in modalità di correzione degli errori
  • 6 = Seleziona operazione asincrona in modalità normale

Codici risultato : OK se <valore> è 0,1,2,3,5 o 6, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

+IPR - Indice DTE imposto

Questo parametro numerico a formato esteso specifica la velocità di trasmissione dei dati per il quale il modem accetterà i comandi durante le operazioni in linea. Può essere usato per selezionare operazioni a certe velocità per il quale il modem non è capace di rilevare automaticamente la velocità di trasmissione dei dati usata dal DTE. Specificando il valore 0 verrà disattivata la funzione e permetterà le operazioni solo a velocità automaticamente rilevabili dal modem.
Sintassi: +IPR=<velocità>
dove <velocità> specifica la velocità operativa d'interfaccia DTE-Modem in bits/s. Le velocità disponibili sono: 0, 2400, 4800, 9600, 19200, 38400 o 57600. Se non viene specificato nessun valore o viene impostato a 0, la rilevazione automatica è selezionata e anche il formato del carattere viene forzato alla modalità di auto-rilevamento, +ICF=0. Se la velocità non è supportata dal modem, viene restituito il codice risultato ERROR.
Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +IPR?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +IPR=?

Torna all'indice

+IFC - Controllo del flusso locale DTE-Modem

Questo parametro composto a formato esteso controlla l'operazione del controllo di flusso locale tra il DTE e il modem durante lo stato dei dati quando viene usato il controllo degli errori V.42, o quando si ritorna alla modalità di controllo senza errori per includere la bufferizzazione e il controllo di flusso. Esso accetta due sottoparametri numerici.
Sintassi: +IFC=[<modem_dal_DTE>[,<DTE_dal_modem>]]

  • <modem_dal_DTE> Specifica il metodo che verrà usato dal DTE per controllare il flusso dei dati ricevuti dal modem:
    • 0 = Nessuno
    • 1 = XON/XOFF sui dati trasmessi
    • 2 = Circuito 133 (pronto a ricevere) - Valore predefinito.
  • <DTE_dal_modem> Specifica il metodo che verrà usato dal modem per controllare il flusso dei dati ricevuti dal DTE:
    • 0 = Nessuno
    • 1 = XON/XOFF sui dati ricevuti
    • 2 = CTS/RTS - Valore predefinito.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +IFC?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +IFC=?

Torna all'indice

+ILRR - Notifica della velocità locale DTE-Modem

Questo parametro numerico a formato esteso controlla se o non il testo dell'informazione +ILRR:<velocità> a formato esteso è trasmessa dal modem al DTE.
Sintassi: +ILRR=<valore>
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Disattiva la notifica della velocità della porta locale (+ILRR: non è trasmesso)
  • 1 = Attiva la notifica della velocità della porta locale (+ILRR: non è trasmesso)

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +ILRR?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +ILRR=?

Velocità notificata
La <velocità> notificata rappresenta l'attuale velocità (negoziata o rinegoziata) DTE-Modem. Se attivato il codice del risultato intermedio è trasmesso dopo ogni modulazione, le notifiche del controllo degli errori o della compressione dati vengono trasmessi, e prima di ogni codice di risultato finale (ad esempio CONNECT) viene trasmesso. La <velocità> è applicata dopo che viene trasmesso il codice del risultato finale.
Sintassi: +ILRR: <velocità>[,<rx_velocità>]

  • <velocità> è un numero decimale che rappresenta l'attuale velocità (negoziata o rinegoziata) DTE-Modem (0, 300, 1200, 2400, 4800, 9600, 19200, 38400, 57600, 115200)
  • <rx_rate> è un valore decimale opzionale che notifica la velocità RXD, se essa è differente dalla velocità TXD (0, 300, 1200, 2400, 4800, 9600, 19200, 38400, 57600, 115200).

Torna all'indice

 

Controllo della chiamata

D - Chiamata

Questo comando ordina al modem di andare in linea, chiamando in base alla stringa digitata e tentando di stabilire una connessione. Se non viene fornita nessuna stringa di chiamata, il modem andrà in linea e tenterà un handshake.
Nota: Se il comando ATD viene emesso prima che il registro S1 venga azzerato, il modem risponderà con il codice di risultato NO CARRIER.
Sintassi: D<modificatore>

<modificatore> I parametri (o modificatori) della stringa di chiamata vengono descritti qui sotto. I caratteri d'interpunzione possono essere usati per chiarezza, ma le parentesi, i trattini e gli spazi saranno ignorati
0-9 Cifre da 0 a 9
A-D Cifre A, B, C e D. Alcune nazioni possono proibire l'invio di queste cifre durante la chiamata.
L Richiama l'ultimo numero: il modem richiamerà l'ultimo numero telefonico valido. La L deve andare immediatamente dopo la D e tutti i successivi caratteri verranno ignorati.
P Seleziona la chiamata ad impulsi: emette una chiamata ad impulsi con i numeri che seguono fin quando una "T" non viene incontrata. Ha effetto sull'attuale e sulle successive chiamate. Alcune nazioni impediscono la modifica delle modalità di chiamata dopo che viene composta la prima cifra.
T Seleziona la chiamata a toni: emette una chiamata a toni con i numeri che seguono fin quando una "P" non viene incontrata. Ha effetto sull'attuale e sulle successive chiamate. Alcune nazioni impediscono la modifica delle modalità di chiamata dopo che viene composta la prima cifra.
W Aspetta il segnale di linea libera: il modem aspetterà il segnale di linea libera prima di comporre le cifre che seguono "W". Se il segnale di linea libera non viene rilevato entro il periodo di tempo specificato dai registri S7 o S6, il modem sospende la composizione delle cifre successive, disconnetterà il modem e genererà un messaggio di errore.
* La cifra 'asterisco' (solo per chiamate a toni).
# La cifra 'cancelletto' (solo per chiamate a toni).
@ Aspetta il silenzio: il modem aspetterà almeno 5 secondi di silenzio prima di continuare con i successivi parametri della stringa di chiamata.
$ Aspetta il segnale di linea libera con carta di credito prima di comporre le successive cifre della stringa di chiamata. Se il segnale di linea libera non viene rilevato entro il periodo di tempo specificato dai registri S7 o S6, il modem sospenderà la composizione delle cifre successive, disconnetterà il modem e genererà un messaggio di errore.
& Aspetta il segnale di linea libera con carta di credito prima di comporre le successive cifre della stringa di chiamata. Se il segnale di linea libera non viene rilevato entro il periodo di tempo specificato dai registri S7 o S6, il modem sospenderà la composizione delle cifre successive, disconnetterà il modem e genererà un messaggio di errore.
, Pausa di chiamata: il modem farà una pausa prima di comporre le successive cifre della stringa di chiamata.
( ) Ignorati: possono essere usati per formattare la stringa di chiamata.
- Ignorato: può essere usato per formattare la stringa di chiamata.
<spazio> Ignorato: può essere usato per formattare la stringa di chiamata.

Torna all'indice

T - Imposta la modalità di chiamata a toni

Questo comando forza la modalità di chiamata a toni (multi-frequenza) fino a quando non viene ricevuto un successivo modificatore di chiamata "P" o un comando "P". Prendete nota che il comando DP annullerà l'effetto di questo comando. Questo comando potrebbe non essere permesso in alcune nazioni (vedere anche il comando P).

Torna all'indice

P - Imposta la modalità di chiamata ad impulsi

Questo comando forza la modalità di chiamata ad impulsi fino a quando non viene ricevuto un successivo modificatore di chiamata "T" o un comando "T". Prendete nota che il comando DT annullerà l'effetto di questo comando, che in alcuni paesi se non si imposta questo comando la modalità a toni è la modalità predefinita e che al tempo stesso in alcuni paesi questo comando non è supportato o non è permesso (vedere anche il comando T).

Torna all'indice

A - Rispondi

Il modem riaggancerà e tenterà di rispondere ad una chiamata in arrivo se vengono soddisfatte correttamente le condizioni. Fino al completamento dell'handshake di risposta, il modem andrà in linea in modalità risposta. Questo comando potrebbe dipendere dallo stato del Line Current Sense (segnale attuale della linea), se attivato. La maggior parte delle nazioni non richiedono un Line Current Sense.

Torna all'indice

H - Disconnetti (riaggancia)

Questo comando inizia la sequenza di riaggancio. Questo comando potrebbe non essere disponibile in alcuni paesi a causa delle restrizioni imposte dalle locali Amministrazioni Poste, Telefoni e Telegrafi.
Sintassi: H[<valore>]
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Il modem rilascerà la linea se il modem è attualmente in linea
  • 1 = Se agganciato, il modem riaggancerà e rimarrà in modalità comando

Torna all'indice

O - Ritorna nella modalità dati in linea

Questo comando specifica che il modem entrerà nella modalità dati in linea dalla modalità comandi in linea con o senza un retrain.
Sintassi: O[<valore>]
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Entra nella modalità dati in linea dalla modalità comandi in linea senza un retrain
  • 1 = Esegue un retrain e in seguito entra nella modalità dati in linea dalla modalità comandi in linea

Torna all'indice

L - Volume dell'Altoparlante

Questo comando imposta il volume dell'altoparlante secondo il parametro fornito.
Sintassi: L[<valore>]
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Disattivato
  • 1 = Volume basso (valore predefinito)
  • 2 = Volume medio
  • 3 = Volume alto

Torna all'indice

M - Controllo dell'Altoparlante

Questo comando controlla l'attivazione o la disattivazione dell'altoparlante secondo il parametro fornito.
Sintassi: M[<valore>]
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Altoparlante disattivato
  • 1 = Altoparlante attivato durante l'avviamento della chiamata, ma disattivato quando si riceve la portante (valore predefinito)
  • 2 = Altoparlante attivato
  • 3 = Altoparlante disattivato quando si riceve la portante e durante l'avviamento della chiamata, ma attivato durante la risposta

Torna all'indice

&P - Seleziona la velocità Make/Break nelle chiamate ad impulsi

Questo comando determina la velocità make/break usata durante la composizione dei numeri telefonici in modalità ad impulsi. E' efficace soltanto se il bit appropriato per attivare questo comando viene impostato attraverso il file .INF. Se attivato, scavalcherà i valori make/break dei parametri OEM del file .INF. Il valore predefinito dipende dalla nazione.
Sintassi: &P[<valore>]
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Seleziona velocità make/break 39%-61% a 10 impulsi al secondo (valore predefinito)
  • 1 = Seleziona velocità make/break 33%-67% a 10 impulsi al secondo
  • 2 = Seleziona velocità make/break 39%-61% a 20 impulsi al secondo
  • 3 = Seleziona velocità make/break 33%-67% a 20 impulsi al secondo

Torna all'indice

&V - Visualizza la configurazione attuale e i profili memorizzati

Questo comando visualizza la configurazione (attiva) attuale e i profili (utente) memorizzati.
Sintassi: &V

Torna all'indice

&W - Memorizza la configurazione attuale

Questo comando memorizza il profilo della configurazione (attiva) attuale, inclusi i parametri S, nel Registro di configurazione di Windows. La configurazione attuale comprende un elenco di parametri memorizzabili illustrati nel comando &V. Queste impostazioni sono ripristinate alla configurazione attiva quando si riceverà un comando Z o all'accensione del modem.
Sintassi: &W

Torna all'indice

*B - Visualizza i numeri inseriti nella black-list

Questo comando richiede al modem di restituire al DTE un elenco di numeri inseriti nella black-list. I numeri proibiti stabilmente come definiti dai requisiti nazionali non appariranno in quest'elenco. Se nessun numero è inserito nella black-list, verrà restituito soltanto il codice di risultato OK.
Sintassi: *B

Torna all'indice

*D - Visualizza i numeri posticipati

Questo comando richiede al modem di restituire al DTE un elenco dei numeri posticipati assieme al ritardo associato ad ognuno di loro. Il modem restituirà un elenco di numero di telefono posticipati come definiti dal comando *B. Se nessun numero è posticipato, verrà restituito soltanto il codice di risultato OK.
Sintassi: *D

Torna all'indice

%TCB - Elimina tutti i numeri dalla black-list

Questo comando richiede al modem di eliminare tutti i numeri inseriti nella black-list.
Sintassi: %TCB

Torna all'indice

 

Comandi sul controllo della modulazione

+MS - Selezione della modulazione

Questo parametro composto a formato esteso controlla il modo operativo delle capacità di modulazione del modem. Esso accetta sei sottoparametri.
Sintassi: +MS=[<portante> [,<modalità-automatica> [,<minima_velocità_trasmissione> [,<massima_velocità_trasmissione> [,<minima_velocità_ricezione> [,<massima_velocità_ricezione>]]]]]]
dove i possibili valori di questi sottoparametri sono elencati nella seguente tabella:

Modulazione <portante> Possibili velocità di ricezione/trasmissione (in byte al secondo)
Bell 103 B103 300
Bell 212 B212 1200 ricezione/75 trasmissione oppure 75 ricezione/1200 trasmissione
V.21 V21 300
V.22 V22 1200
V.22 bis V22B 2400 o 1200
V.23 V23C 1200 ricezione/75 trasmissione oppure 75 ricezione/1200 trasmissione
V.32 V32 9600 o 4800
V.32 bis V32B 14400, 12000, 9600, 7200, 4800
V.34 V34 33600, 31200, 28800, 26400, 24000, 21600, 19200, 16800, 14400, 12000, 9600, 7200, 4800, 2400
K56flex K56 56000, 54000, 52000, 50000, 48000, 46000, 44000, 42000, 40000, 38000, 36000, 34000, 32000
V.90 V90 56000, 54667, 53333, 52000, 50667, 49333, 48000, 46667, 45333, 42667, 41333, 40000, 38667, 37333, 36000, 34667, 33333, 32000, 30667, 29333, 28000

Valori definiti

  • <portante> è una stringa che specifica la portante preferita del modem da usare nel creare o nel rispondere ad una connessione. I valori definiti di questo sottoparametro sono elencati nella tabella qui sopra.
  • <modalità-automatica> è un valore numerico che attiva o disattiva la negoziazione automatica della modulazione. Se tale valore è 0 la modulazione automatica è disattivata, se è 1 la modulazione automatica è attivata (valore predefinito).
  • <minima_velocità_trasmissione> e <massima_velocità_trasmissione> sono valori numerici che specificano rispettivamente la più bassa e la più alta velocità di trasmissione che il modem può stabilire. Il valore di entrambi i sottoparametri si indicano con un numero decimale diverso da zero indicante il numero di bit al secondo, e i possibili valori per ogni modulazione sono elencati nella tabella qui sopra. Il valore predefinito corrisponde alla velocità più bassa e più alta supportata dalla portante selezionata.
  • <minima_velocità_ricezione> e <massima_velocità_ricezione> sono valori numerici che specificano rispettivamente la più bassa e la più alta velocità di ricezione che il modem può stabilire. Il valore di entrambi i sottoparametri si indicano con un numero decimale diverso da zero indicante il numero di bit al secondo, e i possibili valori per ogni modulazione sono elencati nella tabella qui sopra. Il valore predefinito corrisponde alla velocità più bassa e più alta supportata dalla portante selezionata.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +MS?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +MS=?

Torna all'indice

+MR - Controllo della notifica della modulazione

Questo parametro numerico a formato esteso controlla se i codici di risultato intermedio +MCR: e +MRR: vengono trasmessi dal modem al DTE. Se attivato, i codici intermedi +MCR: e +MRR: rappresentano rispettivamente l'attuale (negoziata o rinegoziata) portante e velocità della modulazione che vengono trasmessi al punto durante la negoziazione di connessione (handshaking) al quale il modem ha determinato quale modulazione e velocità verrà usata, ad esempio, prima che vengano trasmesse le notifiche sul controllo degli errori o la compressione dei dati, e prima che venga trasmesso un qualunque codice di risultato finale (ad esempio CONNECT).
Il bit 2 del registro S95 è azzerato per +MR=0 ed è impostato a 1 per +MR=1 o +MR=2. L'impostazione più recente di +MR o del bit 2 del registro S95, e l'impostazione del comando W, determina la notifica del codice di risultato della modulazione (vedere il parametro S95 e il comando W).
Sintassi: +MR=<valore>
dove <valore> può avere uno dei seguenti valori:

  • 0 = Disattiva la notifica della modulazione (+MCR: e +MRR: non sono trasmessi)
  • 1 = Attiva la notifica della modulazione (+MCR: e +MRR: sono trasmessi). Questo è il valore predefinito.
  • 2 = Attiva la notifica della modulazione (+MCR: e Receive Rate Only: sono trasmessi)

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +MR?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +MR=?

Sintassi della notifica +MCR:
Risposta : +MCR: <portante>
dove <portante> è un codice alfanumerico corrispondente alla portante notificata. I valori definiti sono:

  • B103 = Bell 103
  • B212 = Bell 212
  • V21 = V.21
  • V22 = V.22
  • V22B = V.22bis
  • V23C = V.23
  • V32 = V.32
  • V32B = V.32bis
  • V34 = V.34
  • V90 = V.90
  • K56 = K56flex

Sintassi della notifica +MRR:
Risposta : +MRR: <velocità trasmssione>, <velocità ricezione>
dove <velocità trasmssione> è un numero decimale indicante la velocità di trasmissione in bit al secondo mentre <velocità ricezione> è un numero decimale indicante la velocità di ricezione in bit al secondo.

Torna all'indice

%E - Attiva/Disattiva il monitoraggio della qualità della linea, l'Auto-Retrain e la Rinegoziazione automatica della velocità

Questo comando controlla se il modem monitorerà automaticamente la qualità della linea e se deve richiedere un retrain (%E1) o una rinegoziazione della velocità quando la qualità della linea merita un cambiamento. Se attivato, il modem tenta un retrain per un massimo di 30 secondi.
Sintassi: %E=<valore>
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Disattiva il monitoraggio della qualità della linea, l'auto-retrain e la rinegoziazione automatica della velocità
  • 1 = Attiva il monitoraggio della qualità della linea, l'auto-retrain e la rinegoziazione automatica della velocità (valore predefinito)

Codici risultato : OK se <valore> è 0 oppure 1, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

 

Comandi per il controllo degli errori

+ES - Selezione della modalità sincrona e del controllo degli errori

Questo comando a formato esteso specifica la modalità richiesta iniziale dell'operazione quando il modem opera come generatore, opzionalmente specifica la modalità di fallback ammissibile dell'operazione quando il modem opera come generatore, e opzionalmente specifica la modalità di fallback ammissibile quando il modem opera come risponditore. Esso accetta tre sottoparametri numerici.
Sintassi: +ES=[<rich_orig>[,<fbk_orig>[,<fbk_ris>]]]

  • <rich_orig> è il numero decimale che specifica la modalità richiesta iniziale dell'operazione quando il modem opera come generatore. Le opzioni sono:
    • 0 = Inizia la chiamata con la Modalità Diretta.
    • 1 = Inizia la chiamata soltanto con la Modalità Normale (nota anche come Modalità Bufferizzata o Modalità Diretta).
    • 2 = Inizia il V.42 senza la Fase di Rilevamento.
    • 3 = Inizia il V.42 con la Fase di Rilevamento (valore predefinito).
    • 4 = Inizia il MNP.
    • 6 = Inizia la Modalità d'Accesso Sincrona V.80 quando la connessione viene completata e quando si entra nello stato di trasferimento dei dati.
  • <fbk_orig> è il numero decimale che specifica la modalità di fallback ammissibile dell'operazione quando il modem opera come generatore. Le opzioni sono:
    • 0 = Controllo degli errori LAPM, MNP, o Modalità Normale opzionale (valore predefinito).
    • 1 = Controllo degli errori LAPM, MNP, o Modalità Diretta opzionale.
    • 2 = Controllo degli errori LAPM o MNP richiesto; disconnette se il controllo degli errori non viene stabilito.
    • 3 = Controllo degli errori LAPM richiesto; disconnette se il controllo degli errori non viene stabilito.
    • 4 = Controllo degli errori MNP richiesto; disconnette se il controllo degli errori non viene stabilito.
  • <fbk_ris> è il numero decimale che specifica la modalità di fallback ammissibile quando il modem opera come risponditore oppure specifica la modalità di accesso sincrona V.80. Le opzioni sono:
    • 1 = Controllo degli errori disattivato, usa la Modalità Normale.
    • 2 = Controllo degli errori LAPM, MNP, o Modalità Normale opzionale (valore predefinito).
    • 3 = Controllo degli errori LAPM, MNP, o Modalità Diretta opzionale.
    • 4 = Controllo degli errori LAPM o MNP richiesto; disconnette se il controllo degli errori non viene stabilito.
    • 5 = Controllo degli errori LAPM richiesto; disconnette se il controllo degli errori non viene stabilito.
    • 6 = Controllo degli errori MNP richiesto; disconnette se il controllo degli errori non viene stabilito.
    • 8 = Inizia la Modalità d'Accesso Sincrona V.80 quando la connessione viene completata e quando si entra nello stato di trasferimento dei dati.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +ES?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +ES=?

Torna all'indice

+EB - Trattamento dell'interruzione nelle operazioni di controllo degli errori

Questo comando composto a formato esteso controlla il trattamento dell'interruzione nelle operazioni V.42. Esso accetta tre sottoparametri numerici.
Sintassi: +EB=[<selezione_interruzione>[,<determinato>[,<lunghezza_predefinita>]]]

  • <selezione_interruzione> Il numero decimale 0 specifica che l'interruzione verrà ignorata (ad esempio non viene segnalata al DCE remoto).
  • <determinato> Il numero decimale 0 specifica che qualunque L-SIGNAL V.42 trasmesso non indicherà una lunghezza del segnale di interruzione.
  • <lunghezza_predefinita> Il numero decimale 0 specifica che l'interruzione non viene presentata al DTE.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +EB?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +EB=?

Torna all'indice

+ESR - Ripetizione selettiva

Questo parametro numerico a formato esteso controlla l'uso dell'opzione di ripetizione selettiva in V.42.
Sintassi: +ESR=[<valore>]

  • <valore> Il numero decimale 0 specifica che l'opzione di ripetizione selettiva non è usata.

Torna all'indice

+EFCS - Sequenza di controllo del blocco di dati a 32 bit

Questo comando composto a formato esteso controlla l'uso dell'opzione della sequenza di controllo del blocco di dati a 16 bit o 32 bit in V.42.
Sintassi: +EFCS=[<valore>]

  • <valore> Il numero decimale 0 specifica l'uso della sequenza di controllo del blocco di dati a 16 bit come specificato in V.42.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +EFCS?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +EFCS=?

Torna all'indice

+ER - Notifica del controllo degli errori

Questo parametro numerico a formato esteso controlla se il codice di risultato intermedio +ER: a fornato esteso viene trasmesso dal modem al DTE.
Il bit 3 del registro S95 è impostato a 0 per +ER=0 e viene impostato a 1 per +ER=1. L'impostazione più recente di +ER o del bit 3 del registro S95, e l'impostazione del comando W, determina l'attuale notifica del codice di risultato del controllo degli errori (vedere il parametro S95 e il comando W).
Sintassi: +ER=<valore>
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione del controllo degli errori selezionata:

  • 0 = Disattiva la notifica del controllo degli errori (nessun codice di risultato +ER intermedio trasmesso)
  • 1 = Attiva la notifica del controllo degli errori (codice di risultato +ER intermedio trasmesso). Questo è il valore predefinito.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +ER?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +ER=?

+ER: <tipo>
La notifica +ER: <tipo> rappresenta l'attuale tipo (negoziato o rinegoziato) di controllo degli errori modem-modem. Se attivato, il codice di risultato intermedio viene trasmesso ad un certo punto durante la negoziazione del controllo degli errori (handshaking) nel quale il modem ha determinato quale protocollo di controllo degli errori verrà usato (se verrà usato), prima che venga trasmesso il codice di risultato finale (ad esempio CONNECT). Il codice di risultato intermedio +ER, se attivato, viene consegnato dopo la notifica della modulazione (+MCR e +MRR) e prima della notifica della compressione dei dati (+DR).
Sintassi: +ER: <tipo>
dove <tipo> è un codice alfanumerico corrispondente al protocollo selezionato.

  • NONE = Il controllo degli errori non è in uso.
  • LAPM = Il protocollo LAPM V.42 è in uso.
  • ALT = MNP è in uso.

Torna all'indice

+ETBM - Gestione del buffer di terminazione della chiamata

Questo comando composto a formato esteso controlla il trattamento dei dati rimasti nei buffer del modem durante la terminazione della chiamata. Esso accetta tre sottoparametri numerici.
Sintassi: +ETBM=[<dati trasmessi in attesa>[,<dati ricevuti in attesa>[,<determinato>]]]

  • <dati trasmessi in attesa> Il numero decimale 0 specifica che la disconnessione accadrà immediatamente e che tutti i dati trasmessi bufferizzati verranno scartati quando il DTE locale effettua la richiesta di disconnessione della chiamata.
  • <dati ricevuti in attesa> Il numero decimale 0 specifica che la disconnessione accadrà immediatamente e che tutti i dati ricevuti bufferizzati verranno scartati quando il DTE locale effettua la richiesta di disconnessione della chiamata.
  • <determinato> Il numero decimale 0 specifica che il modem non tenterà di consegnare i dati bufferizzati prima di rinunciare al tentativo e di scartare i dati rimanenti.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +ETBM?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +ETBM=?

Torna all'indice

 

Comandi sulla compressione dei dati

+DS - Compressione dei dati

Questo parametro composto a formato esteso controlla la funzione di compressione dei dati V.42bis se fornita nel modem. Esso accetta quattro sottoparametri numerici.
Sintassi: +ES=[<direzione>[,<neg_compr>[,<max_diz>[,<stringa_max>]]]]

  • <direzione> Specifica la direzione desiderata dell'operazione della funzione di compressione dei dati; dal punto di vista del DTE.
    • 0 = Negoziato; nessuna compressione.
    • 3 = Entrambe le direzioni, accetta qualsiasi direzione (valore predefinito).
  • <neg_compr> Specifica se il modem dovrebbe continuare ad operare se il risultato desiderato non viene ottenuto.
    • 0 = Non disconnettere se il V.42bis non viene negoziato dal modem remoto come specificato <direzione>.
  • <max_diz> Specifica il massimo numero di voci del dizionario (2048 voci) che dovrebbe essere negoziato (può essere usato dal DTE per limitare la dimensione della word di codice trasmesso, basato sulla sua conoscenza della natura dei dati da trasmettere).
  • <stringa_max> Specifica la massima lunghezza della stringa (32 byte) che sarà negoziata.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +DS?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +DS=?

Torna all'indice

+DR - Notifica della compressione dei dati

Questo parametro numerico a formato esteso controlla se il codice di risultato intermedio +DR: a fornato esteso viene trasmesso dal modem al DTE.
Il bit 5 del registro S95 è impostato a 0 per +DR=0 e viene impostato a 1 per +DR=1. L'impostazione più recente di +ER o del bit 5 del registro S95, e l'impostazione del comando W, determina l'attuale notifica del codice di risultato della compressione dei dati (vedere il parametro S95 e il comando W).
Sintassi: +DR=<valore>
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata:

  • 0 = Disattiva la notifica della compressione dei dati (nessun codice di risultato +DR intermedio trasmesso)
  • 1 = Attiva la notifica della compressione dei dati (codice di risultato +DR intermedio trasmesso). Questo è il valore predefinito.

Ottenere i valori attuali o selezionati: digitare il comando +DR?
Ottenere un insieme di valori supportati: digitare il comando +DR=?

+DR: <tipo>
La notifica +DR: <tipo> rappresenta l'attuale tipo (negoziato o rinegoziato) di compressione dei dati modem-modem. Se attivato, il codice di risultato intermedio viene trasmesso ad un certo punto durante la negoziazione del compressione dei dati (handshaking) nel quale il modem ha determinato quale tecnica di compressione dei dati verrà usata (se verrà usata) e la direzione dell'operazione. Il codice di risultato intermedio +DR, se attivato, viene consegnato dopo la notifica del controllo degli errori (+ER) e prima del codice di risultato finale (ad esempio CONNECT).
Sintassi: +DR: <tipo>
dove <tipo> è un codice alfanumerico corrispondente all'opzione selezionata.

  • NONE = La compressione degli errori non è in uso.
  • V42B = Il V.42bis è in uso in entrambe le direzioni.
  • ALT = Compressione MNP 5.

Torna all'indice

%C - Attiva o disattiva la compressione dei dati

Attiva o disattiva la negoziazione della compressione dei dati.
Sintassi: %C[<valore>]
dove <valore> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionata.

  • 0 = Disattiva la compressione dei dati.
  • 1 = Attiva sia la compressione dati V.42bis sia MNP 5.
  • 2 = Attiva sia la compressione dati V.42bis sia MNP 5.
  • 3 = Attiva sia la compressione dati V.42bis sia MNP 5. Questo è il valore predefinito.

Codici risultato : OK se <valore> è 0, 1, 2 o 3, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

N - Attiva l'Automode

Questo comando è incluso soltanto per compatibilità e non ha nessun effetto se non quello di restituire un codice di errore. Gli unici valori validi sono 0 e 1.
Sintassi: N[<modalità>]
dove <modalità> è un numero decimale corrispondente all'opzione selezionato (0 o 1).

Codici risultato : OK se <modalità> è 0 o 1, ERROR in caso contrario.

Torna all'indice

 

Comandi di diagnostica

#UD - Notifica dello stato dell'ultima chiamata

Questo parametro viene descritto in maniera molto dettagliata nella pagina "Diagnostica dei modem HCF/HSF Rockwell/Conexant" di questo sito.

Torna all'indice

#UG - Notifica dello stato dell'ultima chiamata

Questo parametro viene descritto in maniera molto dettagliata nella pagina "Diagnostica dei modem HCF/HSF Rockwell/Conexant" di questo sito.

Torna all'indice

 

Parametri S

I parametri S supportati vengono sintetizzati nella seguente tabella:

Registro Funzione Unità
S0 Numero di squilli per la risposta automatica
S0 imposta il numero di squilli richiesti prima che il modem risponda automaticamente ad una chiamata. Impostando questo parametro a 0 verrà disattivata la modalità di risposta automatica.
Intervallo: 0-255 squilli
Valore predefinito: 0
Squilli
S1 Contatore dello squillo
S1 è incrementato ogni volta che il modem rileva un segnale di squillo sulla linea telefonica. S1 viene azzerato se non viene rilevato nessuno squillo entro un intervallo di otto secondi.
Intervallo: 0-255 squilli
Valore predefinito: 0
Squilli
S2 Carattere Escape
S2 conserva il valore decimale del carattere ASCII usato come carattere di escape. Il valore predefinito corrisponde al carattere ASCII '+'. Un valore superiore a 127 disattiva l'operazione di escape.
Intervallo: 0-255, decimale ASCII
Valore predefinito: 43 (+)
ASCII
S3 Carattere di terminazione della linea
S3 imposta il valore decimale del carattere terminatore della linea di comando e del codice di risultato. Si riferisce soltanto alle operazioni asincrone.
Intervallo: 0-127, decimale ASCII
Valore predefinito: 13 (ritorno carrello) 
ASCII
S4 Carattere di formattazione della risposta
S4 imposta il valore decimale del carattere generato dal modem come parte dell'intestazione, parte finale, e terminatore per i codici di risultato e per il testo dell'informazione, assieme al parametro S3. Se il valore di S4 viene modificato in una linea di comando, il codice di risultato emesso in risposta a quella linea di comando userà il nuovo valore di S4. Il carattere di formattazione della risposta viene emesso dopo il carattere di terminazione della linea se vengono usati codici di risultato prolissi.
Intervallo: 0-127, decimale ASCII
Valore predefinito: 10 (avanzamento riga)
ASCII
S5 Carattere di modifica della linea di comando
S5 imposta il valore decimale del carattere riconosciuto dal modem come richiesta di eliminare dalla linea di comando il carattere immediatamente precedente. Il modem non riconoscerà il carattere di modifica della linea di comando se esso è impostato ad un valore più grande di 32 in ASCII. Questo carattere può essere usato per modificare una linea di comando. Se il comando di eco è attivato, il modem rimanda indietro al DTE locale il carattere di modifica della linea di comando, un carattere di spazio ASCII e un secondo carattere di modifica della linea di comando; questo significa che vengono trasmessi tre caratteri ogni qualvolta il modem elabora un carattere di modifica della linea di comando.
Intervallo: 0-32, decimale ASCII
Valore predefinito: 8 (Backspace)
ASCII
S6 Tempo di attesa per il segnale di linea libera prima della composizione del numero oppure dopo il modificatore "W" di chiamata
S6 imposta uno dei due possibili parametri:
  • Imposta la lunghezza di tempo, in secondi, che il modem aspetterà prima di avviare la composizione del numero dopo che sgancia la linea quando compone "alla cieca".
  • Se attivato dalle opzioni nazionali nel file INF, S6 imposta la lunghezza di tempo, in secondi, che il modem aspetterà per il segnale di linea libera quando incontra un modificatore "W" di chiamata prima di restituire un codice di risultato "NO DIAL TONE".
Il modem attende sempre per un minimo di 2 secondi, persino se il valore di S6 è meno di 2 secondi.
Intervallo: 2-255 secondi
Valore predefinito: 2
s
S7 Tempo di attesa per la portante dopo la composizione del numero, per il silenzio, oppure per il segnale di linea libera dopo il modificatore "W" di chiamata
S7 imposta uno dei tre possibili parametri:
  • Imposta la lunghezza di tempo, in secondi, che il modem aspetterà per la portante prima di riattaccare. Il temporizzatore viene avviato quando il modem finisce di comporre il numero (e viene azzerato al momento di rilevare il segnale di risposta se permesso dalle restrizioni nazionali) o dopo il ritardo nella modalità di risposta.
  • Imposta la lunghezza di tempo, in secondi, che il modem aspetterà per il silenzio quando incontra il modificatore @ di chiamata prima di continuare con i restanti parametri della stringa di chiamata.
  • Se attivato dalle opzioni nazionali nel file INF, S7 imposta la lunghezza di tempo, in secondi, che il modem aspetterà per il segnale di linea libera quando incontra un modificatore "W" di chiamata prima di continuare con i restanti parametri della stringa di chiamata.
Intervallo: 1-255 secondi
Valore predefinito: 50 
s
S8 Durata della pausa per il modificatore di chiamata di ritardo
S8 imposta il tempo, in secondi, che il modem deve attendere quando viene incontrato il modificatore "," di chiamata nella stringa di chiamata.
Intervallo: 0-255 secondi
Valore predefinito: 2
s
S9 Durata della risposta del rilevamento della portante
S9 imposta la lunghezza di tempo, in decimi di secondo, che il segnale di portante del modem remoto deve continuare allo scopo di essere riconosciuto dal modem locale. Vedere anche il registro S10.
Intervallo: 1-255 decimi di secondo
Valore predefinito: 6 (0,6 secondi)
0,1 s
S10 Ritardo per la perdita della portante prima di riattaccare
S10 imposta la lunghezza di tempo, in decimi di secondo, che il modem aspetta prima di riattaccare dopo una perdita della portante. Questo permette una temporanea perdita di portante senza causare la disconnessione del modem locale. Quando il registro S10 è impostato a 255, il modem funziona come se la portante fosse sempre presente. L'intervallo effettivo che il modem aspetta prima di disconnettersi è il valore del registro S10 meno il valore del registro S9. Pertanto il valore del registro S10 deve essere più grande del valore del registro S9 altrimenti il modem si disconnette prima di riconoscere la portante.
Intervallo: 1-255 decimi di secondo
Valore predefinito: 14 (1,4 secondi)
0,1 s
S11 Durata del segnale DTMF
S11 imposta la durata, in millisecondi, dei segnali nelle chiamate DTMF (a multifrequenza). Questo valore non ha effetto nelle chiamate ad impulsi.
Intervallo: 50-255 millisecondi
Valore predefinito: 95 (95 millisecondi)
0,001 s
S12 Ritardo del prompt Escape
S12 definisce il periodo massimo, in cinquantesimi di secondo, permesso fra la ricezione dell'ultimo carattere della sequenza dei tre caratteri di escape dal DTE e l'invio del codice di risultato OK al DTE. Se sono rilevati dei caratteri durante questo periodo, il codice OK non verrà inviato. Notate che l'invio del codice di risultato OK non ha effetto sulla voce nella modalità di comando.
Intervallo: 0-255 cinquantesimi di secondo
Valore predefinito: 50 (1 secondo)
0,02 s
S24 Durata di inattività modalità sleep
S24 imposta la durata, in secondi, che il modem opererà nella modalità normale con nessuna linea telefonica rilevata o attività di linea DTE prima di entrare nella modalità sleep a basso consumo di energia. Il temporizzatore è azzerato al momento dell'attività di linea telefonica o linea DTE. Se il registro S24 è uguale a zero, né la linea DTE né l'inattività telefonica causeranno l'inizio della modalità sleep.
Intervallo: 0-255, in secondi
Valore predefinito: 0
s
S25 Durata del riconoscimento del DTR
S25 imposta la durata, in centesimi di secondo, che il DTR deve cadere per essere interpretato come perdita di DTR. Permette al modem di distinguere tra un intoppo casuale e una reale perdita del DTR.
Intervallo: 0-255, in centesimi di secondo
Valore predefinito: 5 (0,05 secondi)
0,01 s
S30 Temporizzatore di inattività di disconnessione
S30 imposta la lunghezza di tempo, in decine di secondi, che il modem starà in linea prima di disconnettersi quando nessun dato viene inviato o ricevuto. Nella modalità di correzione degli errori, qualsiasi dato trasmesso o ricevuto azzererà il temporizzatore. In altre modalità, qualsiasi dato trasmesso azzererà il temporizzatore. Il temporizzatore non è operativo nella modalità sincrona.
Intervallo: 0-255 decine di secondi (0-2550 secondi)
Valore predefinito: 0 (disattivato)
10 s
S46 Controllo della compressione dei dati
S46 controlla la selezione della compressione. Le seguenti azioni sono eseguite per i valori specificati:
  • S46=136 Esegue il protocollo di correzione degli errori senza nessuna compressione
  • S46=138 Esegue il protocollo di correzione degli errori con compressione (valore predefinito)
Intervallo: 136 o 138
Valore predefinito: 138
-
S95 Controllo dei messaggi del codice di risultato
Un bit impostato a 1 in questo parametro, insieme con il comando W, attiverà il corrispondente codice di risultato esteso. Anche i comandi +MR, +ER, e +DR controllano rispettivamente il bit 2, 3 e 5 del registro S95. Le più recenti impostazioni di +MR, +ER e +DR, o la scrittura dei bit 2, 3 e 5 del registro S95, insieme con l'impostazione del comando W, determina la corrispondente notifica del codice di risultato attuale (vedere i comandi +MR, +ER, +DR e W).
Valore predefinito: 0
  • Bit 0 = Il codice di risultato CONNECT indica la velocità DCE invece della velocità DTE.
  • Bit 1 = Riservato.
  • Bit 2 = Attiva il codice di risultato +MCR: XXXX (XXXX = modulazione) e +MRR: XXXX (XXXX = velocità). Vedere il comando +MR.
  • Bit 3 = Attiva il codice di risultato +ER:XXXX (XXXX = identificatore del protocollo). Vedere il comando +ER.
  • Bit 4 = Riservato.
  • Bit 5 = Attiva il codice di risultato +DR:XXXX (XXXX = tipo di compressione). Vedere il comando +DR.
  • Bit 6 = Riservato.
  • Bit 7 = Riservato.
-

 

Argomenti relativi ai modem Conexant/Rockwell

Hardware Documentazione - Comandi AT per i modem HCF/HSF Rockwell/Conexant
Hardware Documentazione - Specifiche Modem Conexant
Hardware Tips&Tricks - Diagnostica dei modem HCF/HSF Rockwell/Conexant
Hardware Tips&Tricks - Modem HCF Rockwell/Conexant
Hardware Tips&Tricks - Modem HSF Rockwell/Conexant
Hardware Tips&Tricks - Personalizzare i file INF per i modem HCF/HSF Rockwell/Conexant
Le FAQ sui modem Conexant

 



Disclaimer

SourceNet non riconosce nessun tipo di garanzia per il contenuto di questa pagina (Hardware Documentazione - Comandi AT per i modem HCF/HSF Rockwell/Conexant) pubblicata su questo sito (SourceNet Italia).
Tutto il contenuto di questa pagina è fornito "così come è", senza alcuna garanzia di qualsiasi tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, senza limitazioni, le garanzie implicite di commerciabilità o idoneità per uno scopo particolare ovvero quelle che escludano la violazione di diritti altrui. L'intero rischio derivante dall'uso o dalle prestazioni del contenuto di questa pagina rimane a carico dell'utente.


Copyright

Il contenuto di questa pagina (Hardware Documentazione - Comandi AT per i modem HCF/HSF Rockwell/Conexant) situata in questo sito è di proprietà di Joseph Parrello.
Non viene concessa a nessuno la possibilità di poter copiare il contenuto di questa pagina senza l'autorizzazione di Joseph Parrello.

 

Torna ad inizio pagina

Hardware Documentazione - BIOS Award (chipset VIA Apollo Pro 133) ] Hardware Documentazione - BIOS Award (chipset VIA Apollo Pro 133A) ] [ Hardware Documentazione - Comandi AT per i modem HCF/HSF Rockwell/Conexant ] Hardware Documentazione - Documentazione chipset VIA ] Hardware Documentazione - Documentazione sull'S.P.D. ] Hardware Documentazione - Specifiche Modem Conexant ]

Ultimo aggiornamento : 17/01/2009.   
Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Copyright © 1997-2070, Joseph Parrello. Tutti i diritti sono riservati.

Siete il visitatore n. Contatore Sito
Bpath Contatore
dal 17 gennaio 2009.