Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Software - Outlook Express Message Extractor


Schermata del programma Outlook Express Message Extractor

 

Con il programma "Outlook Express Message Extractor" potete estrarre le vostre email e i messaggi dei gruppi di discussione dai file .DBX di Outlook Express. Tutte le email contenute nei file .DBX vengono esportate come file .EML e/o NWS. In questa maniera possono essere aperte con Outlook Express o con un altro programma di posta elettronica oppure possono essere convertite in un altro formato.

 

Info generiche di utilità

Non solo è possibile aggiungere il file e/o la lista dei file usando la finestra principale, ma è anche supportata la funzionalità di "Trascina e rilascia", cioè usando il mouse è possibile trascinare un nome di file .DBX all'interno della casella del file di origine.

In ogni caso è possibile elaborare soltanto un file .DBX alla volta.

Usando la voce di menù "File -> Seleziona database" è possibile selezionare un database di email dell'utente attuale per trasferirlo direttamente nella casella del file di origine. Sono supportate le identità di Outlook Express.

Nella finestra delle impostazioni del programma, alla voce "Nomi file definiti dall'utente", è possibile stabilire come dovranno essere generati i nomi di file secondo un modello definito dall'utente. La seguente lista mostra quali parametri è possibile inserire nella suddetta casella.

%sj

Oggetto del messaggio

%os

Oggetto originario del messaggio

%rm

Indirizzo E-Mail del destinatario

%rn

Nome del destinatario

%sm

Indirizzo E-Mail del mittente

%sn

Nome del mittente

%ac

Nome del relativo account

%an

Numero dell'account

%ml

Lunghezza del messaggio in byte

%mi

Numero identificativo del messaggio

%mn

Numero del messaggio

%ng

Nome del gruppo di discussione

%mp

Priorità del messaggio

%rf

Numero di riferimento

%sv

Nome del server

%cr

Orario di creazione e/o ricezione nel formato "aaaammgg oomm"

%cry4

Anno a quattro cifre della creazione e/o ricezione

%cry2

Anno a due cifre della creazione e/o ricezione

%crm

Mese della creazione e/o ricezione

%crd

Giorno della creazione e/o ricezione

%crm

Ora della creazione e/o ricezione

%crn

Minuto della creazione e/o ricezione

%crs

Secondo della creazione e/o ricezione

%cs

Orario di creazione e/o invio nel formato "aaaammgg oomm"

%csy4

Anno a quattro cifre della creazione e/o invio

%csy2

Anno a due cifre della creazione e/o invio

%csm

Mese della creazione e/o invio

%csd

Giorno della creazione e/o invio

%csm

Ora della creazione e/o invio

%csn

Minuto della creazione e/o invio

%css

Secondo della creazione e/o invio

%sf

Orario di memorizzazione del file nel formato "aaaammgg oomm"

%sfy4

Anno di quattro cifre di memorizzazione del file

%sfy2

Anno di due cifre di memorizzazione del file

%sfm

Mese di memorizzazione del file

%sfd

Giorno di memorizzazione del file

%sfm

Ora di memorizzazione del file

%sfn

Minuto di memorizzazione del file

%sfs

Secondo di memorizzazione del file

Tenete conto che ogni campo viene troncato se più lungo di 128 caratteri, allo scopo di evitare nomi di file troppo lunghi. In ogni caso la lunghezza massima per ogni nome di file è fissata a 200 caratteri, la parte rimanente verrà troncata.

A seconda del tipo di E-mail memorizzate (messaggi ricevuti e/o inviati), non tutte le date possono essere recuperate. In questo caso viene restituita la data 30.12.1899 00:00. Per le suddette date non bisogna tener conto delle date memorizzate all'interno delle singole E-Mail, ma di quelle che Outlook Express salva internamente nel suo database. Con le seguenti opzioni potete unire i valori dell’intestazione con quelli del messaggio attuale nei nomi di file.

%hs

Numero di riferimento

%hto

Tutti i destinatari

%htf

Il primo destinatario

%hta

Indirizzo E-Mail del primo destinatario

%htn

Nome del primo destinatario

%hfo

Mittente

%hfa

Indirizzo E-Mail del mittente

%hfn

Nome del mittente

%hd

Date del campo intestazione DATE nel formato "aaaammgg oomm"

%hdy4

Anno a quattro cifre dell’intestazione DATE

%hdy2

Anno a due cifre dell’intestazione DATE

%hdm

Mese dell’intestazione DATE

%hdd

Giorno dell’intestazione DATE

%hdh

Ora dell’intestazione DATE

%hdn

Minuto dell’intestazione DATE

%hds

Secondo dell’intestazione DATE

%hdo

Data originale dell’intestazione DATE

%hm

Numero identificativo del messaggio

Se nessuna intestazione DATE è contenuta nelle e-mail, o essa non è valida, verrà usata la data 30.12.1989 00:00.

 

Esportazione caratteristiche del messaggio

Le caratteristiche di ogni e-mail possono essere visualizzate anche in una tabella Excel. Nel menu "File -> Esporta su file CSV" un file CSV può essere selezionato e su quel file CSV verranno esportati i dati. Alcune caratteristiche dei messaggi saranno prese dalla tabella degli indici del file DBX e dalle intestazioni delle e-mail.

Sequenza delle caratteristiche (colonne del file Excel):

Dalla tabella degli indici del file DBX file:

  1. Genere del messaggio ("E-Mail" o "Posting")
  2. Nome account di Outlook Express
  3. Numero account di Outlook Express
  4. Numero di riferimento
  5. Numero originale di riferimento
  6. Indirizzo E-Mail del destinatario
  7. Nome del destinatario
  8. Indirizzo E-Mail del mittente
  9. Nome del mittente
  10. Data della creazione e/o ricezione nel formato gg.mm.aaaa
  11. Orario della creazione e/o ricezione nel formato oo:mm:ss
  12. Data della creazione e/o invio nel formato gg.mm.aaaa
  13. Orario della creazione e/o invio nel formato oo:mm:ss
  14. Data di memorizzazione nel file nel formato gg.mm.aaaa
  15. Orario di memorizzazione nel file nel formato oo:mm:ss
  16. Numero del messaggio
  17. Numero identificativo del messaggio
  18. Numero di riferimento
  19. Gruppo di discussione
  20. Nome del server
  21. Lunghezza del messaggio in byte
  22. Priorità

Dall’intestazione del messaggio attuale:

  1. Numero di riferimento
  2. Destinatario
  3. Mittente
  4. Data originale
  5. Data nel formato gg.mm.aaaa
  6. Orario nel formato oo:mm:ss
  7. Numero identificativo del messaggio

Tuttavia non sempre tutte le caratteristiche sono disponibili in ogni messaggio. Così può succedere che alcune celle o persino intere colonne rimangano vuote. Se l’intestazione DATE non è contenuta nell’e-mail, o ha un valore non valido, verrà usata la data 30.12.1899 00:00.

 

File di supporto ai linguaggi internazionali

Nei file di supporto ai linguaggi internazionali è possibile specificare uno specifico tipo di carattere nella sezione [LANGUAGE] con l'opzione "Font=". Nella stessa sezione è possibile specificare anche l'insieme di caratteri usando l'opzione "Charset=". Tuttavia i caratteri speciali nazionalizzati verranno visualizzati solo in alcuni controlli (ad esempio nel titolo e nelle caselle di testo). Nei pulsanti non possono essere visualizzati i caratteri speciali nazionalizzati. Tenete inoltre presente che sono supportati i caratteri nell'intervallo da 0 a 255. I linguaggi che richiedono caratteri con codici superiori a 255, come il linguaggio giapponese o cinese, non sono supportati.

Ad esempio per il linguaggio inglese si può usare:

Font=Tahoma
Charset=0

Mentre per il linguaggio polacco si può usare:

Font=MS Sans Serif
Charset=0

Codici insiemi di caratteri:

0

ANSI_CHARSET (Stati Uniti, Europa Occidentale)

1

DEFAULT_CHARSET

2

SYMBOL_CHARSET (Insieme di caratteri simboli standard)

161

GREEK_CHARSET (Greco)

162

TURKISH_CHARSET (Turco)

163

VIETNAMESE_CHARSET (Vietnamese)

177

HEBREW_CHARSET (Ebraico)

178

ARABIC_CHARSET (Arabico)

186

BALTIC_CHARSET (Baltico)

204

RUSSIAN_CHARSET (Cirillico)

222

THAI_CHARSET (Thai)

238

EASTEUROPE_CHARSET

255

OEM_CHARSET (DOS)

Per la creazione del file di supporto al linguaggio, il programma di modifica del testo deve essere impostato per supportare proprio il font di carattere che si vorrà utilizzare, questo per evitare le differenze di visualizzazione con i caratteri speciali inclusi in quel determinato font di caratteri.

 

Licenza d'uso

Il programma Outlook Express Message Extractor è Freeware e può essere usato sia in ambito commerciale sia in ambito privato/personale.

La modifica del programma, o di una parte di esso, è proibita e in conformità con le leggi del copyright austriache così come quelle internazionali è proibita. Il copyright dei linguaggi di supporto del linguaggio appartiene ai rispettivi autori delle traduzioni.

Il programma Outlook Express Message Extractor è gratuito e l'uso si appoggia sulla propria responsabilità. L'autore non si assume nessuna responsabilità per eventuali danni che potrebbero risultare dall'uso di questo programma, come anche sulla correttezza e sulla completezza dei dati estratti.

 

Ringraziamenti

Un sincero ringraziamento alle seguenti persone, essenzialmente per aver contribuito a migliorare il programma:

Michal 'Byru' Byrczek <mmbyrczek(at)poczta.wp.pl> (http://www.blitz-art.com/)

Per il file in lingua polacca e per alcuni buoni suggerimenti allo scopo di migliorare l'interfaccia del programma.

Joseph Parrello <josephparrello(at)yahoo.it> (http://net.supereva.it/sourcenet.freeweb/)

Per il file in lingua italiana, per la traduzione in italiano di questo documento e per alcuni buoni suggerimenti allo scopo di migliorare l'interfaccia del programma.

Henrique Peron <hperon(at)terra.com.br>

Per il file in lingua portoghese e per alcuni buoni suggerimenti allo scopo di migliorare l'interfaccia del programma.

 

Cronologia:

Versione 1.7:

  • Il nome del file estratto supporta ora tutti i caratteri permessi da un nome di file.
  • Il file in lingua inglese è stato corretto.
  • Un file della lingua portoghese è stato aggiunto.

Versione 1.6:

  • Alcune leggere modifiche nell’interfaccia del programma.
  • La procedura di estrazione ora può essere interrotta tramite un pulsante.
  • Alcuni errori nella finestra di dialogo "Informazioni su…" sono stati risolti.

Versione 1.5:

  • Ora 18 ulteriori valori dell’intestazione del messaggio dell’e-mail attuale possono essere usati per creare i nome dei file.
  • Le proprietà del messaggio della tabella degli indici del file DBX e le più importanti linee dell’intestazione del messaggio possono essere memorizzate ora in una tabella CSV che può essere aperta con Microsoft Excel.
  • Se veniva usato l’orario di creazione e/o ricezione per creare il nome del file, il risultato era la data 30.12.1899 00:00. Questo errore ora è stato risolto.

Versione 1.4:

  • Nella finestra di selezione della cartella di destinazione è possibile ora creare una nuova cartella.
  • L'internazionalizzazione del programma è stata migliorata usando gli argomenti opzionali "Charset" e "Font" nei file di supporto dei linguaggi. In questa maniera ogni linguaggio può usare il suo font e il suo insieme di caratteri.
  • E' stato aggiunto il file di supporto al linguaggio italiano.
  • Alcuni miglioramenti nel codice del programma e nella finestra del programma.

Versione 1.3:

  • Ora è possibile selezionare i nomi dei file per i messaggi estratti.
  • Ora è disponibile un file di supporto per la lingua polacca.
  • Alcuni miglioramenti nel codice del programma, sull'interfaccia e sui file di supporto delle lingue.

Versione 1.2:

  • Ora è possibile selezionare diversi schemi di esportazione dei file.
  • Una barra degli strumenti è stata aggiunta.
  • Al momento sono presenti i file di supporto per la lingua Inglese e Tedesca.

Versione 1.1:

  • La maniera di determinare il primo offset utile dell'area dati di una email è stata modificata. Ora questo programma può lavorare in modo più affidabile.
  • L'opzione di menù "Seleziona database" è stata integrata. In questa maniera si può semplicemente selezionare il file dell'utente attuale.

 

Copyright

Copyright © 2003-2004 Gaijin

E-Mail: info(at)gaijin.at

WWW: http://www.gaijin.at/

 



Disclaimer

SourceNet Italia non riconosce nessun tipo di garanzia per il contenuto di tutta la sezione dedicata al programma "Outlook Express Message Extractor" pubblicata su questo sito.
Tutto il contenuto della sezione dedicata al programma "Outlook Express Message Extractor" è fornito "così come è", senza alcuna garanzia di qualsiasi tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, senza limitazioni, le garanzie implicite di commerciabilità o idoneità per uno scopo particolare ovvero quelle che escludano la violazione di diritti altrui. L'intero rischio derivante dall'uso o dalle prestazioni del contenuto di tutta la sezione dedicata al programma "Outlook Express Message Extractor" rimane a carico dell'utente.


Copyright

Il contenuto della sezione dedicata al programma "Outlook Express Message Extractor" situata in questo sito è la traduzione in italiano del file "readme.rtf" contenuto nel file compresso distribuito con il programma "Outlook Express Message Extractor" creato da Gaijin (http://www.gaijin.at/dloemxtr.php).
Il contenuto dell'intera sezione dedicata al programma "Outlook Express Message Extractor" su questo sito è di proprietà di Joseph Parrello (il quale ha creato anche il file di linguaggio in italiano distribuito con il programma stesso oltre ad aver collaborato con l'autore del programma per la risoluzione di bug e per il completo supporto in italiano).
Non viene concessa a nessuno la possibilità di poter copiare il contenuto dell'intera sezione dedicata al programma "Outlook Express Message Extractor" di questo sito.


Pagine su Outlook Express

 

Torna ad inizio pagina

Software - Documentazione programma Safe XP ] [ Software - Outlook Express Message Extractor ]

Ultimo aggiornamento : 17/01/2009.   
Home ] Su ] Novità ] FAQ ] Hardware ] Software ] Windows ] Sicurezza ] Linguaggi ] Cerca ] Contatta ] Guestbook ] Mappa ] Info su... ]

Copyright © 1997-2070, Joseph Parrello. Tutti i diritti sono riservati.

Siete il visitatore n. Contatore Sito
Bpath Contatore
dal 17 gennaio 2009.